Sito Epatite C
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Vaccini Covid bivalenti

La circolare del Ministero: “Raccomandati come quarta dose anche a operatori sanitari, ospiti Rsa e donne in gravidanza e come terza dose per tutti over 12”
È quanto prevede la nuova circolare del Ministero della Salute che definisce l’utilizzo dei nuovi vaccini adattati alla sotto variante Omicron Ba.1 appena approvati da Ema e Aifa.
L’obiettivo sottolinea il Ministero è di rendere prontamente disponibili le prime indicazioni relative al proseguimento della campagna vaccinale, tenuto conto della dichiarazione congiunta ECDC-EMA sulla vaccinazione di richiamo con i vaccini bivalenti COVID-19 adattati a Omicron del 6/9/2022. LA CIRCOLARE
Dopo il via libera di Aifa ai nuovi vaccini bivalenti efficaci anche contro le varianti Omicron il Ministero della Salute ha diramato una circolare sull'utilizzo dei vaccini a m-RNA nella formulazione bivalente Original/Omicron BA.1 nell’ambito campagna vaccinale anti-SARS-CoV-2/COVID-19.

L’obiettivo sottolinea il Ministero è di rendere prontamente disponibili le prime indicazioni relative al proseguimento della campagna vaccinale, tenuto conto della dichiarazione congiunta ECDC-EMA sulla vaccinazione di richiamo con i vaccini bivalenti COVID-19 adattati a Omicron del 6/9/2022.

Il ministero sottolinea che la nuova formulazione è raccomandata prioritariamente:
-  a coloro che sono ancora in attesa di ricevere la seconda dose di richiamo, in base alle raccomandazioni e le tempistiche già previste per la stessa (cfr. circolare n° 32664 del 11/07/2022), includendo anche operatori sanitari, operatori e ospiti delle strutture residenziali per anziani e donne in gravidanza;
-  a tutti i soggetti di età uguale o superiore a 12 anni ancora in attesa di ricevere la prima dose di richiamo, indipendentemente dal vaccino utilizzato per il completamento del ciclo primario, con le tempistiche già previste per la stessa.

Fonte: quotidianosanita.it


Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione