Sito Epatite C
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

In Sicilia ci sono 30 mila over 60 con l'epatite C: "Ora test su seimila detenuti"

Pazienti con comportamenti a rischio legati all'uso pregresso o attuale di sostanze e detenuti: è su queste due categorie che bisogna indagare per riuscire ad eradicare definitivamente dal nostro Paese l'epatite C. Numerose evidenze scientifiche dimostrano infatti come in queste due 'popolazioni chiave' la prevalenza del virus sia più alta rispetto ad altre. 

Per questo utenti dei Servizi per le Dipendenze (Ser.D.) e carcerati devono essere sottoposti per primi ad uno screening diffuso, perché sono i principali soggetti che possono ancora facilmente trasmettere l'infezione.

Ma per pianificare un efficace programma di eradicazione del virus da HCV, oltre ad un 'gioco di rete' che coinvolga Ser.D. e centri specialistici, sono necessarie soprattutto tre azioni: conoscere l'epidemiologia, attraverso indagini conoscitive sulla prevalenza dei pazienti; applicare correttamente i test diagnostici, grazie ad un processo di condivisione tra specialisti; gestire la terapia con regimi appropriati, valutando gli esiti virologici e i benefici sia individuali sia collettivi della cura.

Parte da queste basi Rete HCV Sicilia che, nata nel 2015, ad oggi può contare su un network composto da 41 centri clinici e 101 medici specialisti (tra gastroenterologi, epatologi, infettivologi e medici di medicina interna).

Grazie a questa Rete negli ultimi due anni in Sicilia e' stato possibile eliminare l'epatite C nel 97,5% dei pazienti trattati. Ma ora il network siciliano guarda al futuro e punta ad un nuovo e ambizioso obiettivo: contrastare la diffusione del virus tra le persone che hanno fatto uso di droghe per via endovenosa (PWID, People who inject drugs) e tra i detenuti, attraverso diagnosi veloci e terapie snelle.

Il progetto e' stato illustrato oggi nel corso della web conference dal titolo 'Eliminazione dell'infezione da epatite C nei Ser.D. e nelle carceri: il progetto della Rete HCV Sicilia', organizzata e promossa dal provider Letscom E3 nell'ambito di 'HAND - Hepatitis in Addiction Network Delivery', il primo progetto pilota di networking a livello nazionale patrocinato da quattro societa' scientifiche (SIMIT, FeDerSerD, SIPaD e SITD), che coinvolge i Servizi per le Dipendenze e i relativi Centri di cura per l'HCV afferenti a diverse citta' italiane. L'evento ha avuto il patrocinio della Rete HCV Sicilia.

"Un'indagine epidemiologica che abbiamo condotto sulla prevalenza dei pazienti con epatite/cirrosi da HCV delle varie provincie della Sicilia, in collaborazione con gruppo di medici di medicina generale- ha spiegato Vito Di Marco, responsabile scientifico della Rete HCV Sicilia e professore di Gastroenterologia dell'Universita' di Palermo- ha indicato che circa l'1% dei cittadini siciliani ha una malattia cronica di fegato da HCV e ha confermato che oltre il 50% di questi pazienti ha un'eta' superiore a 60 anni. La prevalenza dei pazienti con epatite cronica da HCV varia nelle provincie della Sicilia da 0.5% a 1.5%. Solo tra le persone con eta' superiore a 60 anni e' probabile che vi sia una prevalenza della malattia superiore al 2%".

Alla luce di queste osservazioni e' dunque possibile ritenere che in Sicilia siano presenti "tra 30mila e 50mila persone con una malattia cronica di fegato da HCV - ha proseguito Di Marco - e se facciamo un rapporto tra la popolazione per fasce di eta', e' presumibile che in Sicilia ci siano circa 30mila persone con infezione da HCV tra 1.300.000 cittadini che hanno un'eta' superiore a 60 anni e circa 15mila persone con infezione da HCV tra i 3.500.000 cittadini con eta' tra 18 e 60 anni".

In Italia l'infezione da HCV si e' molto diffusa nel periodo tra il 1930 e il 1970, quando le principali modalita' di trasmissione erano le trasfusioni di sangue o altre procedure che permettevano la trasmissione parenterale del virus. Successivamente, negli anni 1980-2000, la principale modalita' di trasmissione di HCV e' stata la tossicodipendenza per via venosa.

"Pertanto e' possibile individuare due coorti di pazienti con infezione da HCV- ha spiegato Di Marco- la prima e' formata da persone nate tra il 1930 e il 1960, che attualmente hanno un'eta' superiore a 60 anni, mentre la seconda e' formata da persone nate tra gli anni 60 e 90". Sulla base dei dati epidemiologici, intanto, in Sicilia e' stato attuato un programma di 'linkage to care' dei pazienti con epatite cronica da HCV: "Circa 2/3 dei pazienti con malattia cronica da HCV hanno un'eta' maggiore di 60 anni, sono conosciuti dai medici di medicina generale- ha sottolineato Di Marco- e devono essere avviati alla terapia attraverso il canale di collaborazione tra il territorio e i centri specialistici.

È necessario poi organizzare altre modalita' di accesso alla terapia antivirale per i pazienti che fanno parte della 'coorte anziana', attraverso la collaborazione con le strutture sanitarie periferiche (farmacie, Croce Rossa e organizzazioni di volontariato)". 

In conclusione, l'infezione da HCV e le malattie epatiche correlate sono diventate un problema di sanita' pubblica da affrontare e risolvere con un progetto di collaborazione ampia e multidisciplinare. In tale contesto la Regione Sicilia, che si e' dotata di una efficiente e consolidata Rete per la diagnosi e la cura dell'epatite cronica da HCV, puo' essere un modello trainante e replicabile su tutto il territorio nazionale.

"In Sicilia sono attivi 51 Ser.D. distribuiti in tutte le ASP provinciali- ha ricordato Di Marco- e quindi in grado di attuare un progetto di screening, linkage to care e gestione della terapia dei tossicodipendenti in trattamento sostitutivo e delle altre persone che hanno dipendenze patologiche. Nello stesso tempo nelle 9 ASP provinciali della Sicilia sono presenti 32 centri della Rete HCV abilitati alla prescrizione della terapia per l'epatite C.

La collaborazione tra le due reti assistenziali e' naturale e deve essere attiva". È dunque questa, secondo gli esperti, la strada giusta da intraprendere per raggiungere l'obiettivo di eliminare definitivamente in Italia il virus dell'epatite C entro il 2030, cosi' come indicato dall'Organizzazione mondiale della Sanita', puntando ad una maggiore 'emersione del sommerso'.

Fonte: palermotoday.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione