Sito Epatite C
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Nivolumab, possibile nuova opzione di prima linea contro l'epatocarcinoma avanzato. #ESMO19

Pazienti precedentemente non trattati per carcinoma epatocellulare (HCC) hanno tollerato nivolumab meglio della terapia di prima linea attualmente approvata, sorafenib, e hanno anche dimostrato tassi di risposta più elevati con nivolumab. È quanto ha riferito un team di ricercatori a Barcellona, durante il Congresso ESMO 2019, esponendo i risultati dello studio CheckMate 459.

Thomas Yau, dell’Oncologia dell’Università di Hong Kong a Pokfulam, ha spiegato che la sopravvivenza è stata più lunga con nivolumab rispetto a sorafenib, anche se non è stata raggiunta la significatività statistica e il beneficio clinico a favore di nivolumab è stato costante nelle analisi di sottogruppi prespecificate.

Lo studio CheckMate 459, randomizzato multicentrico di fase 3, ha arruolato 743 pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con HCC avanzato che non avevano ricevuto in precedenza alcuna terapia sistemica. Dopo la randomizzazione in proporzione 1: 1, 371 pazienti sono stati trattati con nivolumab a 240 mg iv ogni 2 settimane e 372 pazienti hanno ricevuto sorafenib orale a 400 mg due volte al giorno.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale (OS) e ulteriori endpoint includevano il tasso di risposta obiettiva (ORR) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediante revisione centrale indipendente in cieco per RECIST v1.1, efficacia in base all'espressione tumorale del ligando 1 di morte programmata (PD-L1) e sicurezza.

Sopravvivenza globale superiore a terapia standard, mancato però l’endpoint primario
Al follow-up minimo di 22,8 mesi, l'analisi dell’OS ha mostrato che non soddisfaceva la soglia predefinita di significatività statistica (p = 0,0419). Tuttavia, l'OS è stato migliorato con nivolumab rispetto a sorafenib. L'OS mediana era di 16,4 mesi con nivolumab rispetto a 14,7 mesi con sorafenib (p = 0,0752).

Le percentuali di OS a 12 mesi erano del 59,7% (IC al 95% 54,4-64,6) con nivolumab rispetto al 55,1% (IC al 95% 49,8-60,1) con sorafenib e le percentuali di OS a 24 mesi erano del 36,8% (IC al 95 % 31,8–41,8) rispetto al 33,1% (IC al 95% 28,3–38,0), rispettivamente.

La PFS mediana era simile con entrambi i trattamenti: la PFS mediana era di 3,7 mesi (IC al 95% 3,1–3,9) con nivolumab rispetto a 3,8 mesi (IC al 95%, 3,7–4,5) con sorafenib.

Risposta più evidente nei pazienti con maggiore espressione tumorale di PD-L1
In totale, 57 pazienti (15%) hanno ottenuto risposta con nivolumab; di questi 14 (4%) hanno mostrato una risposta completa (CR) e 43 (12%) una risposta parziale (PR). Con sorafenib, solo 26 pazienti hanno mostrato una risposta per un ORR del 7% che includeva 5 CR (1%) e 21 PR (6%).

La valutazione secondo l'espressione tumorale di PD-L1 ha mostrato tassi di risposta più elevati con nivolumab. Nei pazienti con espressione tumorale PD-L1 bassa (<1%), 36 (12%) del gruppo nivolumab rispetto a 20 (7%) dei pazienti trattati con sorafenib hanno mostrato una risposta.

La risposta con nivolumab è aumentata nei pazienti con PD-L1 =/> 1% in cui 20 pazienti (28%) con nivolumab hanno raggiunto la risposta rispetto a 6 pazienti (9%) trattati con sorafenib.

Inoltre, nivolumab ha fornito benefici clinici in sottogruppi predefiniti, tra cui lo stato di infezione da epatite, la presenza di invasione vascolare e/o diffusione extraepatica e la regione di provenienza (asiatica rispetto a non asiatica).

Favorevole profilo di sicurezza rispetto al trattamento convenzionale
Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza con nivolumab. Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3/4 sono stati riportati in 81 pazienti (22%) nel braccio nivolumab rispetto a 179 (49%) nel braccio sorafenib.

L'interruzione del trattamento a causa di un evento avverso è stata riportata in 16 (4%) pazienti del gruppo nivolumab rispetto a 29 (8%) pazienti trattati con sorafenib. Un numero maggiore di pazienti che ha ricevuto sorafenib ha richiesto una terapia post-studio; è stato richiesto un successivo trattamento sistemico per 140 pazienti (38%) trattati con nivolumab rispetto a 170 pazienti (46%) del braccio sorafenib.

I risultati riportati dai pazienti suggeriscono che i soggetti nel braccio nivolumab hanno sperimentato una migliore qualità della vita e supportano ulteriormente i dati clinici che hanno dimostrato un beneficio terapeutico per nivolumab rispetto a sorafenib nell'HCC avanzato.

I pro e i contro dello studio CheckMate 459
Arndt Vogel
, di Gastroenterologia ed Epatologia di Hannover (Germania), che ha discusso i risultati dello studio, ha affermato che formalmente si tratta di un altro studio di immunoterapia di fase 3 negativo, ma di nuovo con dati di sicurezza/efficacia clinicamente significativi.

L'efficacia è in linea con le relazioni precedenti (CheckMate-040, Keynote-224, Keynote-240). L’OS mediana è aumentata nel trattamento di prima linea dell'HCC e la qualità e la quantità delle terapie successive sono migliorate.

L’insieme (efficacia, sicurezza e QoL) è a favore di nivolumab. I biomarcatori sono necessari per identificare i pazienti che beneficiano della immuno(mono)terapia.

Gli autori hanno osservato che, sebbene sorafenib sia attualmente approvato come terapia di prima linea per i pazienti con HCC avanzato, esiste un'esigenza insoddisfatta per prolungare la sopravvivenza e migliorare la tollerabilità.

Nivolumab ha dimostrato una maggiore tollerabilità e miglioramenti clinicamente significativi in termini di OS, nonché di tassi di risposta globali e completi come trattamento di prima linea rispetto a sorafenib, nonostante non abbia raggiunto un significato statistico per l'endpoint primario.

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione