Sito Epatite C
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Epatite alcolica, numeri in aumento dopo la pandemia da COVID-19. #EASL2021

Uno studio presentato all'International Liver Congress in corso in questi giorni ha evidenziato che sebbene i tassi di ammissione mensili ospedalieri pre e post-COVID-19 fossero stabili per la cirrosi non alcolica e alcolica, i ricoveri per epatite alcolica sono aumentati a causa della pandemia.

Durante i periodi prolungati di blocco globale e interruzione dei servizi clinici, i pazienti con cirrosi alcolica e non alcolica hanno si sono dovuti adattare a cure cliniche virtuali e a ridurre le loro visite. Inoltre, vi è stato un significativo aumento delle vendite di alcol.

In questo studio, gli autori hanno mirato a valutare l'impatto delle restrizioni dovute al COVID-19 per i pazienti ricoverati con cirrosi alcolica e non alcolica ed epatite alcolica (AH).

"I nostri risultati mostrano in realtà che un aumento delle vendite di alcol dopo la pandemia avrà un impatto significativo sulla storia naturale della malattia epatica da alcol in Canada e probabilmente nella maggior parte del mondo occidentale", ha evidenziato Abdel-Aziz Shaheen della Cumming School of Medicine, divisione di epatologia gastroenterologia, dipartimento di medicina dell'Università di Calgary, in Canada.

Shaheen e colleghi hanno utilizzato algoritmi di codifica della classificazione clinica internazionale convalidati per identificare i ricoveri correlati al fegato per cirrosi non alcolica, cirrosi alcolica ed epatite alcolica nella provincia di Alberta, in Canada, fino al 2018-2020. Sono stati identificati 2.916 ricoveri per cirrosi non alcolica, 2.318 ricoveri per cirrosi alcolica e 1.408 ricoveri per epatite alcolica.

Secondo i ricercatori, i criteri di inclusione per l'epatite alcolica includevano un codice diagnostico di epatite alcolica e un'elevata alanina aminotransferasi o aspartato aminotransferasi e un elevato rapporto internazionale normalizzato.
Gli autori hanno confrontato le restrizioni post COVID-19 (aprile-settembre 2020) con i periodi di studio precedenti e valutato i punti di flesso con la regressione del punto di giunzione.

I risultati non hanno mostrato cambiamenti significativi tra il tasso medio di ricovero mensile, i dati demografici, i ricoveri in terapia intensiva e la mortalità intraospedaliera tra le coorti di cirrosi alcolica e non alcolica.
I ricercatori hanno riferito che i pazienti con epatite alcolica hanno avuto un aumento dei ricoveri mensili medi (69,5 vs 39,6; p<0,001). Aprile 2020 è stato il punto di svolta, secondo Shaheen e colleghi.

Mentre i pazienti con epatite alcolica ammessi dopo le restrizioni COVID-19 erano più giovani (età media 43 vs 47; p=0.02), non sono state osservate differenze significative negli esiti di ammissione pre e post-COVID-19 tra la coorte di pazienti con epatite alcolica.

All’interno della coorte AH, c'è stata una variazione percentuale mensile stabile delle ammissioni prima di marzo 2020 di -0,20% (IC 95%: -2,14, 1,77), p=83.
Tuttavia, c'è stato un significativo aumento percentuale mensile del 9,13% (95% CI 2,59, 16,09), p<0,01, dopo l'inizio della pandemia (marzo 2020). Pertanto, è stato evidenziato un punto di svolta nel marzo 2020 tra le ammissioni per AH.

Nei modelli di regressione logistica aggiustati per età, sesso, residenza, storia di HCV e infezione da HBV e comorbilità, il ricovero post-pandemia era ancora associato a una minore mortalità intraospedaliera nella coorte di cirrosi non alcol-correlata (aOR 0,68 [IC 95%: 0,49-0,94]. Essere ammessi dopo l'inizio della pandemia non era un predittore significativo di terapia intensiva tra le tre coorti.

"Abbiamo riscontrato una diminuzione della mortalità tra i pazienti con cirrosi non alcolica dopo la pandemia", ha detto Shaheen. "Il tasso è sceso dall'11,5% all'8,5%". Il risultato sorprendente e allarmante che abbiamo riscontrato è stato un aumento del 9% rispetto alla media mensile per l'ammissione ospedaliera per epatite da alcol post pandemia".

Gli autori hanno concluso che: i ricoveri durante la pandemia da COVID-19 erano più alti tra i pazienti con cirrosi con un sorprendente aumento nella coorte con epatite alcolica; i ricoveri in terapia intensiva e la mortalità intraospedaliera non sono aumentati in relazione alla pandemia da covid19; la pandemia può avere un effetto dannoso sulla storia naturale di malattia epatica cronica, principalmente nella malattia epatica correlata all'alcol.

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione