Sito Epatite C
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

chiarimenti per terapia

egr. dott.ssa/re mia moglie (32 anni) è affetta da epatite b cronica scoperta nel 1999 anno in cui ha eseguito diversi asami di prassi nel reparto di malattie infettive dove è stata ricoverata e sottoposta poi a terapia di interferone con n.3 somministrazione settimanali per circa 1 anno. al termine di questa la malattia è risultata cronica. nel frattempo e fino ad oggi si è sempre sottoposta a controlli ogni 6 mesi che hanno dato sempre esito negativo. nel dicembre scorso sono iniziati le prime avvisaglie di un probabile risveglio del virus (stanchezza, giramenti di testa, febricola altalenante) da qui gli esami che confermano i sospetti: got/ast 44 ui/l - got/atl 98 ui/l hbv-dna qualitativo positivo - hbv-dna quantitativo 940000 ui/ml l'infettivolo non procede con un esame istologico in quanto l'ecografia epatica non evidenzia alcuna anomalia e soprattutto la carica virale risulta non critica. provvede a suggerire percui una nuova terapia d'interferone 180 mcg n.1 volta a settimana per circa 1 anno se dovesse dare risposta positiva, altrimenti bisognerà trovare un terapia alternativa. per quest'ultima, il ns dott. racconta che la ricerca oggi mette a disposizione delle valide alternative all'interferone, meno aggressive ma che potrebbero avere delle controndicazioni quali: devono essere assunte a vita, oppure, qualora non dovessero funzionare si rischia di favorire la mutazione del virus. adesso, le mie domande ma soprattuto i miei dubbi sono : la terapia suggerita è la più opportuna ? cosa potrebbe succedere qualora non dovesse avere una risposta positva ? e' tutto corretto il racconto sulle terapie alternative all'interferone ? sinceri ringraziamenti alessandro
Dott.ssaG.MaginiMedico Specialista in Medicina Interna Ospedali Riuniti Bergamo

si, le indicazioni sono corrette. la terapia interferonica ha il vantaggio di essere fatta per un periodo limitato e di comportare la completa eradicazione del virus. in caso di fallimento vi sono terapie orali, comunque ottimamente tollerate, che andranno fatte a vita e che sono estremamente efficaci. giuste le indicazioni dell'epatologo.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione